NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito fa uso di due diverse tipologie di cookie:

1. Cookie tecnici essenziali
Questi cookie sono necessari al corretto funzionamento del sito. Consentono la navigazione delle pagine, la condivisione dei nostri contenuti, la memorizzazione delle Sue credenziali di accesso per rendere più rapido l’ingresso nel sito e per mantenere attive le Sue preferenze e credenziali durante la navigazione. Senza questi cookie non potremmo fornire i servizi per i quali gli utenti accedono al sito.

2. Cookie statistici e prestazionali
Questi cookie ci permettono di sapere in che modo i visitatori utilizzano il sito, per poterne così valutare e migliorare il funzionamento e privilegiare la produzione di contenuti che meglio incontrano i bisogni informativi dei nostri utenti. Ad esempio, consentono di sapere quali sono le pagine più e meno frequentate. Tengono conto, tra le altre cose, del numero di visitatori, del tempo trascorso sul sito dalla media degli utenti e delle modalità di arrivo di questi. In questo modo, possiamo sapere che cosa funziona bene e che cosa migliorare, oltre ad assicurarci che le pagine si carichino velocemente e siano visualizzate correttamente. Tutte le informazioni raccolte da questi cookie sono anonime e non collegate ai dati personali dell'utente. Per eseguire queste funzioni nei nostri siti utilizziamo i servizi di terze parti che anonimizzano i dati rendendoli non riconducibili a singoli individui.

Foto di matrimonio originali: l'importanza della post-produzione

8 esempi di personalizzazione

Il lavoro del fotografo raramente termina il giorno in cui scatta le fotografie.
Se, ai tempi delle pellicole, era indispensabile la fase dello sviluppo a partire dalla pellicola, seguita dalla fase di stampa, oggi quelle fasi della lavorazione sono state sostituite dalla post-produzione (o editing) in digitale, avendo già a disposizione un prodotto finito visibile su uno schermo.

Mosaico esempio post-produzione fotografia

Ecco un'anteprima di quello che vedremo nell'articolo

Non tutti i fotografi matrimonialisti eseguono un lavoro di editing specifico sulle proprie fotografie perché, per velocizzarne la consegna, si affidano agli automatismi delle fotocamere o di alcuni software, un po' come funziona con i filtri di Instagram. In questo caso il risultato è sicuramente migliorabile, perché il fotografo non ha consapevolezza del modo in cui sta operando sui colori presenti nella fotografia: potrebbe anche essere fortunato in qualche caso ma riuscire a portare lo stesso mood, o un particolare mood, sull'intero servizio fotografico matrimoniale è un'altra storia.

Con le fotocamere professionali (ma anche con molte di quelle amatoriali), oltre che ottenere direttamente dei file JPG visualizzabili e stampabili, è possibile scattare in una modalità chiamata RAW (che in inglese significa grezzo): in questo caso la fotografia necessita di un passaggio attraverso un software per poter essere trasformata in JPG e diventare fruibile. Ed è proprio durante questo passaggio che è possibile caratterizzare profondamente una fotografia mediante la post-produzione.
Ecco i comandi di Adobe Lightroom CC 2019, il software che utilizzo abitualmente, che permettono di operare sull'aspetto generale della fotografia. Ci sono altri strumenti per operare più nel dettaglio, ma magari saranno oggetto di un altro articolo.

Controlli Lightroom

Il pannello verticale dei controlli di Lightroom, "spezzato" per ragioni di visualizzazione

Posto che, per avere un buon risultato finale, si deve partire da una buona fotografia, la post-produzione è uno strumento potentissimo che permette di rendere originali le fotografie di matrimonio. È possibile infatti dare le interpretazioni più diverse a una fotografia, influenzandone profondamente il risultato finale.

Ma basta con le parole, vediamo qualche esempio pratico! Ecco una fotografia, scattata in RAW, così come viene convertita dalla fotocamera:

Esempio fotografia matrimonio

La fotografia "sviluppata" dalla fotocamera

Era il tramonto, quindi la fotocamera ha interpretato correttamente i colori (per i più tecnici, il bilanciamento del bianco e la tinta). La luce naturale era strepitosa e la fotografia potrebbe già essere accettabile, ma se il fotografo volesse comunicare delle sensazioni differenti?
Sfogliate la presentazione qui sotto, per confrontare otto diversi esempi di post-produzione!
Lasciatela scorrere da sola o passate il mouse sulle immagini per fermarla.

  • Tiriamo su i colori
  • Rendiamola Vintage
  • Un mood totalmente differente
  • La mia scelta
  • Un bianco e nero molto contrastato
  • Un bianco e nero Vintage
  • Dal Vintage al Seppia
  • Un bianco e nero dai toni freddi
  • Tiriamo su i colori

    Ecco per esempio una prima interpretazione in cui i colori sono più saturi, c'è più contrasto e tutto è più nitido e brillante.
  • Rendiamola Vintage

    Partendo dalla versione precedente, possiamo darle un aspetto più vintage rendendola più matte, ovvero tagliando sia i toni più chiari che quelli più scuri.
  • Un mood totalmente differente

    Estremizziamo la caratteristica matte, dando un aspetto ancora più vintage della precedente, e interveniamo sui colori, lasciando trasparire i toni caldi del legno e della pelle e sovrapponendo, in contrasto, un filtro blu, più freddo. Il risultato resta sempre molto piacevole e bilanciato, ma le sensazioni emanate da questa post-produzione sono molto differenti dalle precedenti.
  • La mia scelta

    Cambiamo totalmente genere per ottenere una fotografia con colori meno saturi e che, un po' più scura, focalizzi l'attenzione sul soggetto della foto, gli sposi. Questa è la post-produzione definitiva che ho scelto, coerente con tutti gli altri momenti del matrimonio. Per capire quello che intendo con "coerenza", date un'occhiata al servizio fotografico matrimoniale completo: Veronica e Patrizio
  • Un bianco e nero molto contrastato

    La stessa fotografia può essere post-prodotta in bianco e nero. Eccone una prima interpretazione, nitida, contrastata, dove spiccano la sposa e il suo vestito.
  • Un bianco e nero Vintage

    Ammorbidiamo i toni, rendiamola matte e, per darle un tocco vintage, aggiungiamo del rumore e diamo un tono più caldo ai neri. La fotografia adesso ha un sapore completamente diverso da prima.
  • Dal Vintage al Seppia

    Spingiamoci verso il seppia con toni ancora più gialli / marroni, dopo aver anche leggermente alzato le ombre per dare maggior evidenza ai dettagli.
  • Un bianco e nero dai toni freddi

    Cambiamo ancora tono, per un mood più freddo, quasi nordico, sovrapponendo dei colori che virano al viola: eccone un'ulteriore interpretazione del tutto differente!
  • Tiriamo su i colori
  • Rendiamola Vintage
  • Un mood totalmente differente
  • La mia scelta
  • Un bianco e nero molto contrastato
  • Un bianco e nero Vintage
  • Dal Vintage al Seppia
  • Un bianco e nero dai toni freddi

E ora una visione d'insieme, con al centro la fotografia sviluppata dalla fotocamera:

Mosaico esempio post-produzione fotografia

Una vista d'insieme degli esempi visti finora

Da uno scatto, quindi, si possono ottenere risultati del tutto differenti. A me piace personalizzare ogni servizio fotografico matrimoniale perché per me ogni matrimonio è diverso: soprattutto lo sono le persone, gli sposi in primis, che mi comunicano sensazioni diverse. Ecco perché ogni galleria ha una post-produzione dedicata e originale rispetto alle altre.
Ciò che amo del mio lavoro è proprio questo: conoscere ogni "mia" coppia di sposi e interpretare in fotografia loro stessi in uno dei giorni più importanti della loro vita. Ogni volta è una sfida diversa, un piacere diverso, un'emozione diversa.

IstantiSenzaTempo|Ci prendiamo cura dei vostri ricordi

Segui @istantisenzatempo su Instagram